Vai al menu principale- Vai ai contenuti della pagina[0] Home[H]

 
Home Page You Tube   Pinterest   Twitter   Linkedin   You Tube   English version   
CREARE E GESTIRE L'IMPRESA | SVILUPPARE L'IMPRESA | INFO ECONOMICA | TUTELARE L'IMPRESA | PROMOZIONE DEL TERRITORIO
Homepage > Tutelare l'impresa e il consumatore > Sanzioni

Cosa fare se si riceve un verbale di contestazione per le violazioni sopra elencate

Chi riceve un verbale di contestazione dagli organi di vigilanza preposti (Guardia di Finanza, Polizia Municipale, Polizia di Stato, Carabinieri, ecc.) nel quale è indicata la Camera di Commercio di Pavia come autorità competente, può:

  • pagare entro 60 giorni la sanzione indicata nel verbale in misura ridotta con effetto liberatorio, trasmettendo tempestivamente le relative ricevute all’Organo accertatore;
  • esporre le proprie ragioni, presentando entro 30 giorni scritti difensivi all’ufficio Protesti e Sanzioni, se ritiene ingiusta la richiesta di pagamento. Nello scritto difensivo si può anche inserire la richiesta di essere sentiti personalmente dall’ufficio.

I termini suddetti decorrono dalla data di contestazione o di notifica della violazione.

Il pagamento dell’oblazione entro 60 giorni estingue il procedimento e gli eventuali scritti difensivi non saranno valutati.

Se l’interessato non paga l’oblazione nel termine di 60 giorni l’ufficio:

1)      riceve un rapporto dall’Organo che ha accertato la violazione;

2)      istruisce la pratica verificando la regolarità degli atti;

3)      esamina le eventuali memorie difensive pervenute;

4)      convoca per l’audizione qualora il presunto trasgressore ne abbia fatto richiesta;

5)      emette l’ordinanza ingiunzione stabilendo l’importo della sanzione da pagare, ovvero, se ricorrono i presupposti, archivia gli atti a carico dell’interessato.


Ultima modifica: 3/8/2018